1. Home
  2. economia
  3. ZAMPERINI: “BISOGNA DESTAGIONALIZZARE, VARENNA E’ SATURA”
ZAMPERINI: “BISOGNA DESTAGIONALIZZARE, VARENNA E’ SATURA”

ZAMPERINI: “BISOGNA DESTAGIONALIZZARE, VARENNA E’ SATURA”

847
0

Lecco il 30 giugno 2024 – Sono tre gli itinerari delle Gite in treno di Trenord che raggiungono la Provincia di Lecco, proponendo servizi integrati treno/battello. Il Tour del Primo Bacino di Lecco, l’itinerario Il Viandante sul lago, disponibile anche in formula “due giorni” ed infine, il biglietto Tesori del Lago di Como. Nel 2023 sarebbero stati venduti 29.500 biglietti di “Gite in treno” verso i laghi, in crescita di quasi l’80% rispetto al 2022. Nel 2024, si sarebbe già registrato circa un + 65% sull’itinerario “Primo bacino di Lecco”, +142% con oltre 5000 biglietti integrati, per “Tesori del lago di como”, mentre “Viandante sul lago”, aperto solo da pochi giorni avrebbe venduto circa un centinaio di biglietti. L’iniziativa, che avrebbe l’obiettivo di promuovere un turismo sostenibile senz’auto verso il territorio, in alta stagione sta producendo l’effetto opposto secondo il Consigliere Regionale lecchese Giacomo Zamperini, che ha così commentato.
«I dati parlano chiaro, è evidente come questi pacchetti promozionali facciano incrementare l’arrivo di
turisti, spesso di quelli “mordi e fuggi”. Questo, in alta stagione ed in determinati punti, crea una situazione sempre più problematica e soffocante sul nostro ramo del lago. Sappiamo che, invece, la vendita della formula su due giorni del “viandante sul lago”, sia ferma a zero. Incentivare la permanenza su più giorni è un’ottima cosa, ma se il prodotto non si vende, allora non serve. Bisogna parlare con i tour operator per chiedere di promuovere questa iniziativa.» ha dichiarato Giacomo Zamperini.
«La promozione del territorio fatta in alta stagione e concentrata sulle solite mete è un vero e proprio
“harakiri”, servono buonsenso e sussidiarietà. Bisogna puntare anzitutto ad una destagionalizzazione del
turismo ed alla distribuzione delle presenze sul territorio dato che Varenna è satura. Per una migliore
gestione dei flussi turistici, è essenziale creare un rapporto sinergico e collaborativo con gli stakeholders e
con i privati che fanno impresa, a partire dai tour operator e da chi fa servizi di trasporto sul territorio, sia
su acqua che su gomma. La prima cosa da fare è aumentare per i turisti il costo dei biglietti integrati in
giornata, con itinerari saturi e solo durante l’alta stagione, cercando contestualmente di sgravare i lecchesi
ed i residenti che giornalmente utilizzano il trasporto pubblico locale. Questo sarebbe un primo passo di
facile realizzazione che servirebbe subito per disincentivare il turismo mordi e fuggi, il più dannoso per il
nostro territorio. Ci si riempie spesso la bocca della parola “sostenibilità”, ma le presenze turistiche
soffocanti ed il conseguente aumento del costo e della qualità della vita che devono subire i cittadini
rivieraschi sono tutt’altro che sostenibili.» Ha poi concluso il Consigliere Regionale

(Visited 847 times, 1 visits today)

LEAVE YOUR COMMENT