1. Home
  2. arte e cultura
  3. IL 13 MARZO ALL’OSPEDALE MANZONI ARRIVANO LA TRAVIATA E MADAMA BUTTERFLY
IL 13 MARZO ALL’OSPEDALE MANZONI ARRIVANO LA TRAVIATA E MADAMA BUTTERFLY

IL 13 MARZO ALL’OSPEDALE MANZONI ARRIVANO LA TRAVIATA E MADAMA BUTTERFLY

111
0

Lecco, 8 marzo 2024 – Dopo il successo della serata inaugurale, il prossimo appuntamento della terza edizione di Musica negli ospedali, rassegna di cinque concerti in collaborazione con l’Ospedale Alessandro Manzoni di Lecco dedicati ai pazienti del Dipartimento Oncologico dell’ASST di Lecco e aperti gratuitamente a tutta la cittadinanza, è mercoledì 13 marzo sempre presso l’Aula Magna dell’Ospedale A. Manzoni di Lecco.

Dedicato al fascinoso mondo dell’opera, l’appuntamento vede in scena, insieme all’Orchestra di Bellagio e del Lago di Como diretta da Alessandro Calcagnile, il soprano Eva Corbetta e il tenore Alessandro Mundula, artisti dalla lunga e intensa attività concertistica in Italia e all’estero, che per l’occasione presenteranno una selezione di arie dalle opere di Giuseppe Verdi e Giacomo Puccini. Il programma del concerto, intitolato Violetta e Cio-Cio-San, è incentrato in particolare sui due personaggi di Violetta, da La traviata di Verdi, e di Cio-Cio-San, da Madama Butterfly di Puccini, figure di donne libere entrambe segnate da un tragico destino. Da La traviata saranno eseguite le arie È strano! È strano, De’ miei bollenti spiriti, Addio del passato, Parigi o cara mentre da Madama Butterfly sono in scaletta Bimba dagli occhi pieni di malia, Un bel di vedremo, Addio fiorito asil, Tu tu piccolo Iddio.

Con gli artisti impegnati a condurre il pubblico tra le molteplici emozioni delle celebri arie del capolavoro verdiano e di quello pucciniano, il concerto offre un coinvolgente racconto musicale tra partiture senza tempo, una galleria di pagine che, in un ventaglio di storie e narrazioni, riflettono i sentimenti universali dell’animo umano e destano emozioni fin dalle prime note.

Il progetto Musica negli Ospedali, con la direzione artistica del Maestro Rossella Spinosa, è promosso dall’Associazione Lombardia Musica in collaborazione con l’Azienda Socio Sanitaria Territoriale di Lecco ed in particolare col Dipartimento di Oncologia. La rassegna ha il patrocinio del Comune di Lecco e si avvale del contributo del Fondo Sostegno delle Arti dal Vivo della Fondazione Comunitaria del Lecchese Onlus, Acinque e Lario Reti Holding insieme al contributo di Valassi Carlo Srl, del partenariato del ROTARY CLUB LECCO MANZONI nonché del patrocinio del DISTRETTO ROTARY 2042.

L’iniziativa è anche in collaborazione con il circuito DONATORI DI MUSICA. Come nelle intenzioni di Gianandrea Ludovici, l’esperienza emotiva ed umana dell’ascolto della musica dal vivo è un diritto di tutti, e in particolare di chi si trova ad affrontare situazioni critiche. Ma i concerti facenti parte della rete dei Donatori di Musica non sono soltanto eventi culturali. I pazienti molte volte non riconoscibili dai volontari e dai familiari, l’intensa e vissuta musicalità degli artisti, gli applausi sgorgati dal cuore e dalle ombre più paralizzanti dei malati di tumore a ringraziamento del “mondo esterno” venuto in mezzo a loro a portare Musica, a portare Vita, non possono non colpire il bersaglio grosso dell’emozionalità, della partecipazione, dell’importanza dell’esserci.

Rossella Spinosa, promotrice dell’iniziativa, ne ha parlato a Bar Balicco 71:

PROFILI

Eva Corbetta

Eva Corbetta, soprano nata a Seregno, si diploma in canto lirico al conservatorio “G.B. Pergolesi” di Fermo e contemporaneamente si laurea in Scienze dei beni culturali con indirizzo musicologico presso l’Università degli Studi di Milano. Successivamente si specializza presso l’Accademia di alto perfezionamento del Festival Pucciniano di Torre del Lago Puccini. Fra i ruoli debuttati, Lauretta nel “Gianni Schicchi” e Mimì ne “La Bohème” di Puccini, Erste Dame in “Die Zauberflöte” di Mozart, Alice Ford nel “Falstaff” di Verdi, Donna Anna in “Don Giovanni” di Mozart, Adina in “Elisir d’amore” di Donizetti, Violetta ne “La Traviata” e Gilda nel “Rigoletto” di Verdi, Nedda in “Pagliacci” di Leoncavallo, Norina in “Don Pasquale” di Donizetti. Ha cantato nel Gran Teatro Puccini a Torre del Lago, al Teatro Verdi di Pisa, al Comunale di Ferrara, al teatro dell’opera di Varna (Bulgaria) e in tournée in Olanda e Belgio, al Palazzo dei Congressi di Lugano. Ha fatto parte dell’Ensemble giovanile del Teatro Carlo Felice di Genova, debuttandovi diversi ruoli. Ha debuttato il ruolo di Violetta nella Traviata di Verdi al Teatro antico di Taormina. È stata in tournéé in Cina, cantando anche nel “Gran Teatro” di Shanghai. Finalista nell’estate 2020 del concorso Internazionale di canto “Bellano paese degli artisti”, vincitrice del II Premio e miglior cantante italiana del “I concorso internazionale Ponte” (Milano, dicembre 2022) e vincitrice del VI concorso lirico internazionale Enzo Sordello 2021 e del ruolo di Donna Anna in “Don Giovanni”, che l’ha vista impegnata nell’estate 2021 per il “Cuneo Opera Festival” e nel Teatro di Irun in Spagna. A giugno 2022 ha debuttato come Monica in “The Medium” di Giancarlo Menotti al Teatro Grande di Brescia. In ottobre ha debuttato nel ruolo di Mimì nel “La Boheme” messa in scena dal “Bell’opera Festival” di Milano. Fra gli impegni recenti ha debuttato come Erighetta ne “L’ammalato immaginario” per il Piccolo Opera Festival e nel Teatro principesco di Kragujevac; ruolo che porterà presto a Pechino. A giugno 2023 ha debuttato inoltre al Teatro Massimo Bellini di Catania, nell’opera “Il tramonto” di Zakaria Paliashvili. Per quanto riguarda il repertorio sacro, ha debuttato come soprano solista nella “Nelson Messe” di Haydn, nel “Requiem” e nel mottetto “Exsultate, Jubilate” di Mozart.

Alessandro Mundula

Ha studiato al Conservatorio di Milano. Per quanto riguarda il repertorio verdiano ha debuttato nei ruoli del Duca di Mantova in “Rigoletto”, Alfredo ne “La Traviata”, Ismaele nel “Nabucco” e, in selezione, Radames in “Aida” e Manrico ne “Il Trovatore”. Ha cantato i ruoli di Rodolfo ne “La Boheme” di Puccini, Cavaradossi in “Tosca”, Pinkerton in “Madama Butterfly” e ha debuttato anche come Turiddu nella “Cavalleria Rusticana” di Mascagni e Canio nei “Pagliacci” di Leoncavallo. Nei teatri più grandi è stato Un Postiglione ne “La Fanciulla del West”, Giuseppe ne “La Traviata”, Una Guardia ne “Il Cappello di Paglia di Firenze”, Borsa in “Rigoletto”, Monostatos ne “Il Flauto Magico”, Normanno in “Lucia di Lammermoor, Un Messaggero in “Aida”, Goro in “Madama Butterfly”. Ha cantato nei seguenti teatri: Auditorium di Rho, Sala Verdi del Conservatorio di Milano, Teatro Manzoni di Sesto S.G., Teatro Rosetum di Milano, Teatro Filodrammatici di Milano, Teatro di Milano, Teatro Arcimboldi di Milano, Ecoteatro di Milano, Teatro Fassino di Avigliana, Arena di Susa, Teatro Sociale di Canzo, Teatro Chiabrera di Savona, Teatro dell’Aquila di Fermo, Teatro Alighieri di Ravenna, Teatro Coccia di Novara, Teatro Comunale di Bolzano, Teatro Sociale di Como, Teatro Fraschini di Pavia, Teatro Grande di Brescia, Teatro Ponchielli di Cremona, Daegu Opera House, Gwangju Arts Center. È reduce da una tournée in Corea del Sud, con una produzione di “Madama Butterfly” ed un Opera Gala nell’ Auditorium della città di Asan.

Alessandro Calcagnile – Direttore musicale

Raffinato interprete del repertorio moderno e contemporaneo, dopo essersi formato nei Conservatori di Milano, Brescia e Norinberga, poco più che ventenne debutta come direttore d’orchestra alla Sala Santa Cecilia del Parco della Musica di Roma alla testa dell’Orchestra Nuova Sinfonica Italiana. Da lì una brillante carriera che lo porterà ad esibirsi presso le più importanti sale e teatri del mondo, fino a giungere nel 2017 alla sala grande della Carnegie Hall di New York. Ha collaborato con l’Orchestra I Pomeriggi Musicali, l’Orchestra Cantelli di Milano, l’Orchestra Filarmonica Italiana, l’Orchestra Sinfonica di Sanremo, l’Orchestra Regionale Toscana, l’Orchestra I Professori del San Carlo di Napoli. Presidente e tra i fondatori del Centro Musica Contemporanea di Milano, Direttore Musicale del New MADE Ensemble, Direttore Editoriale delle Edizioni Sconfinarte, è uno dei protagonisti della musica contemporanea in ambito nazionale ed ha collaborato con i principali compositori viventi. Ha registrato per Stradivarius, RAI, Radio Televisione Svizzera Italiana, Radio Televisione Nazionale Albanese, Radio Capodistria.

Orchestra di Bellagio e del Lago di Como

L’Orchestra di Bellagio e del lago di Como collabora stabilmente con direttori e solisti d’eccezione, quali Raffaele Trevisani, Mario Marzi, Roberto Noferini, Fatlinda Thaci. L’Orchestra si esibisce regolarmente nelle più suggestive dimore e residenze storiche del Lario, ma è anche ospite nei principali teatri lombardi, quali il Teatro Lirico di Milano, Villa Reale di Monza, il Teatro Sociale di Sondrio, il Teatro Bibiena di Mantova, il Teatro Sociale di Como, Villa Manzoni di Lecco, nonché in festival e manifestazioni, sia in Italia che all’estero. L’Orchestra affianca alla programmazione tradizionale di spettacolo anche progetti di natura solidale, come la rassegna Musica negli ospedali in collaborazione con Rotary Club e Donatori di Musica. L’Orchestra ha anche presentato in pubblico numerose prime esecuzioni assolute, di opere d’autori contemporanei. Il 30 giugno 2018, l’Orchestra di Bellagio e del Lago di Como è stata invitata dal Consolato Generale d’Italia a Stoccarda, per un evento dedicato a Rossini per le celebrazioni del centocinquantenario. La direzione musicale dell’Orchestra è affidata al Maestro Alessandro Calcagnile.

(Visited 111 times, 1 visits today)

LEAVE YOUR COMMENT